Project Description

SILLABARIO PER UNA GUERRA

Mia madre mi racconta che quando avevo quattro anni e abitavamo in Via Borella, avevamo come vicino un pensionato che aveva combattuto nella 1° guerra mondiale. Con lui intrattenevo discorsi di guerra, battaglioni, combattimenti, quasi ricordi di una vita precedente. La mia frequentazione continua con le zone montane dove le tracce della guerra sono ancora oggi molto evidenti, mi ha spinto negli anni ad esplorare e approfondire la geografia e la storia di quei luoghi, a trovare in qualche modo una collocazione reale ai racconti che ancora stavano nascosto in qualche angolo del mio cervello.

Nel dizionario alla voce sillabario troviamo: “libro sul quale si impara a leggere e a scrivere seguendo il metodo sillabico”. Analogamente a un sillabario scolastico questo sillabario fotografico vuole essere una guida per imparare a “leggere” che cos’è una guerra attraverso scritti ed immagini, una “guida” che conduce il lettore a conoscere la realtà ed i posti di una guerra che ancora segna il nostro territorio e la nostra storia recente.

Per fare questo in maniera esaustiva ad ogni lettera dell’alfabeto ho affiancato elementi descrittivi e immagini esplicative: i testi sono tratti da libri e diari della 1° Guerra Mondiale che trattano gli avvenimenti che ebbero luogo nelle zone della provincia di Vicenza e limitrofi (Monte Zugna, Pasubio, Altopiani di Folgaria e Lavarone, Altopiano di Asiago, Monte Grappa); le immagini da me realizzate propongono la mia personale lettura di quegli stessi luoghi e le immagini storiche richiamano l’aspetto reale del passato, alle quali ho sovrapposto reperti ritrovati sui campi di battaglia.

Ogni lettera alfabetica tratta un argomento relativo alla guerra (acqua, baionetta, colonnello, ecc..) o richiama una località coinvolta nell’evento (Asiago, Bertiaga, Cimone,ecc…). Gli scritti sono unici per ogni lettera, ciascuna delle quali evoca un tema a sè, in modo da lasciare al lettore la possibilità ed il compito di ricostruire in maniera personale l’insieme.

Antonio Cunico